· Città del Vaticano ·

Il bilancio di 5 anni di politiche integrative

Sui rom c’è ancora molto da fare

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
08 gennaio 2022
Siamo giunti al termine del nostro viaggio nella galassia rom/sinti ed è arrivato il momento di tirare le fila. In questi tre mesi abbiamo incontrato tante persone: che risiedono nei campi; che, dopo lo sgombero del campo in cui abitavano da anni, vivono in un parcheggio su macchine o furgoni; che sono riuscite ad avere finalmente una casa, che lavorano regolarmente, ma che non riescono a scrollarsi di dosso lo stigma. Abbiamo parlato con sacerdoti, operatori, volontari che si prodigano per garantire assistenza, istruzione, sostegno. Abbiamo scoperto che, a Roma, le persone identificate dalle istituzioni come rom presenti negli insediamenti formali e informali sono circa 6.000 e che la definizione “rom” non è del tutto corretta. Esistono, infatti, almeno 22 macro comunità ascrivibili a questo universo variegato, con ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati