· Città del Vaticano ·

«Ponte sull’orizzonte» del poeta Dato Magradze, l’Eliot georgiano

Parole che custodiscono esplosioni

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
08 gennaio 2022
«Ogni volta che sento parole che arrivano dalla Georgia, la mia memoria si riempie di stupore. Già con tutto l’amore di Pasternak sono arrivati in Italia i grandi poeti georgiani che lui stimava tanto. Oggi sono felice se con l’aiuto di Dato Magradze questa terra meravigliosa e queste confessioni piene di trattenute esplosioni vi terranno compagnia». L’immagine di Tonino Guerra — “confessioni piene di trattenute esplosioni”, tratta da una dedica scritta in fretta a margine di un libro, riportata nella post fazione di Ponte sull’orizzonte (Borgomanero, Novara, Giuliano Ladolfi Editore, 2021, pagine 309, traduzione di Nunu Geladze, volume stampato in 50 esemplari numerati per conto dell’Ambasciata Georgiana presso la Santa Sede) — descrive bene la poesia di Magrazde; versi radicalmente, strutturalmente epici, che non ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati