· Città del Vaticano ·

I grandi romanzi raccontati dagli sceneggiati della Rai

Nelle case di tutti

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
08 gennaio 2022
L’eredità di un famoso scrittore spesso si valuta con metriche del tutto arbitrarie, ma quando la sopravvivenza del pensiero travalica secoli ed è affidata a mezzi di comunicazione in continua evoluzione, il trionfo è insindacabile. È quello che è accaduto a Fëdor Michajlovič Dostoevskij, la cui memoria è stata ravvivata non solo con libri, saggi e lungometraggi, ma anche con numerosi sceneggiati televisivi andati in onda sulla Rai tra il 1958 e il 1975. In particolare, la Radiotelevisione italiana ha portato nelle case Umiliati e offesi (1958), L’idiota (1959), Delitto e castigo (1963), Il giocatore (1965), Il marito geloso (1965, adattamento de L’eterno marito), I fratelli Karamazov (1969), I demoni (1972) e Il lungo viaggio (1975, che raccoglie tre testi dello scritttore russo: Il sosia, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati