· Città del Vaticano ·

La rivolta in Kazakhstan

Arrestato ex premier per alto tradimento

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
08 gennaio 2022
Nur-Sultan, 8. È stato arrestato per alto tradimento Kárim Másimov, ex primo ministro kazako e da due giorni allontanato dalla presidenza del Comitato per la sicurezza nazionale del Kazakhstan: a Másimov viene imputato dal regime un presunto piano organizzato con la complicità di entità straniere, per scatenare la sommossa che ha percorso il Paese. Il Kazakhstan, intanto, si dibatte ancora fra gli strascichi dell’insurrezione — scattata il 2 gennaio al rincaro dei prezzi del carburante — e l’intervento militare delle truppe del Csto (Trattato di sicurezza collettiva) invocato dal presidente Kassym-Jomart Tokayev. Gli arresti sono stati almeno quattromila, i morti negli scontri un numero imprecisabile (l’ordine alla polizia è «sparare per uccidere»). Internet è stata ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati