· Città del Vaticano ·

Sostenibilità

Una filiera rivolta alla circolarità

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
07 gennaio 2022
La prosperità dei popoli è indissolubilmente legata alla salute dei suoli: supportano la vita sulla Terra in ogni sua forma, sono la fonte primaria di cibo e risorse, filtrano l’acqua, regolano il clima e sono alla base della biodiversità. Eppure, continuiamo a considerare il suolo un substrato senza valore, lo abbiamo danneggiato e degradato, dimenticando che non è rinnovabile: l’azione antropica lo ha compromesso come mai nella storia dell’umanità. Negli ultimi 150 anni, infatti, oltre la metà del suolo terrestre è stata danneggiata (Wwf, 2018): un degrado accompagnato dalla riduzione di più del 50% dello stock di carbonio organico presente nei terreni coltivati, con oltre 2 miliardi di ettari impoveriti a livello globale. Non solo: poiché i suoli soggetti a degrado ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati