· Città del Vaticano ·

Nel controverso racconto del nipote Paul

Una «caccia al tesoro»

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
05 gennaio 2022
Perfettamente in linea con la sua vocazione, l’insaziabile curiosità di Heinrich Schliemann riecheggia quella dell’eroe omerico, Ulisse. Entrambi infatti, in virtù dell’inesausta sete di conoscenza, non tradirono dubbi ed esitazioni nell’atto di varcare le colonne d’Ercole così da appagare l’ardore di una ricerca diretta ad acquisire sempre nuove conoscenze, a dispetto di chi, al contrario, non si perita di «viver come bruti». Ecco allora che l’archeologo tedesco, ancora prima di arrivare a scoprire i resti della città di Troia, spinto dalla convinzione dell’esistenza della città di Atlantide (allora considerata come una semplice leggenda) aveva tradotto un geroglifico egizio conservato a san Pietroburgo, nel quale si parlava di un faraone che aveva mandato una spedizione in Occidente a ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati