· Città del Vaticano ·

Non si fermano le proteste in Sudan

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
05 gennaio 2022
Khartoum, 5. Migliaia di persone sono scese anche oggi nelle strade di Khartoum, Omdurman e altre città del Sudan, per protestare contro il colpo di stato e dopo le dimissioni del primo ministro, Abdalla Hamdok. In un comunicato congiunto, Unione europea, Stati Uniti, Gran Bretagna e Norvegia hanno esortato i militari sudanesi a non nominare un premier unilateralmente al posto di Hamdok. Nel documento, affermano inoltre che non sosterranno un primo ministro e un governo nominato senza l’inclusione di un vasto pubblico di attori civili.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati