· Città del Vaticano ·

Pace in tempo di pandemia alla luce degli Atti degli apostoli e di «Fratelli tutti»

Il coraggio dell’incontro

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
05 gennaio 2022
Nella lingua della Bibbia ebraica e cristiana, lo Shalom o la Pace (dal greco eirene) è molto più di una mera assenza di conflitto. Significa un’armonia integrale e integratrice tra l’essere umano, Dio e la sua creazione. La pace biblica è molto diversa anche da quella che fu, ai tempi di Gesù e poi degli apostoli, la “pax romana”. Mentre quest’ultima era percepita come uno stato di ordine attorno a un impero duro e dominante, la pace evangelica era incentrata sullo “scandalo” di Cristo risorto. Questo tempo di pandemia costituisce una buona occasione per riflettere sulla pace anche come condizione interiore di armonia con Dio. Il saluto del Signore risorto, «la pace sia con voi», è per noi un appello a riconciliarci con Dio e con gli altri, nelle nostre famiglie, nelle nostre comunità ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati