· Città del Vaticano ·

L’assalto al Congresso che colpì al cuore la democrazia statunitense

Capitol Hill un anno dopo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
05 gennaio 2022
Il 6 gennaio 2021, in seguito a una vera e propria carica contro le forze dell’ordine, oltre 150 estremisti facevano irruzione a Capitol Hill, sede del Congresso statunitense a Washington. Per contrastare la furia degli assalitori, i quali avevano vandalizzato l’edificio e aggredito gli occupanti, gli agenti fecero ricorso all’uso della forza. Solo dopo tre ore di assedio l’edificio venne messo in sicurezza. Quattro manifestanti rimasero uccisi e altri 13 feriti, mentre un ufficiale di polizia morì pochi giorni dopo in ospedale a causa delle ferite riportate. L’attacco al Campidoglio fu lo sviluppo degenerato del corteo “save America march”, organizzato dai sostenitori del presidente uscente Donald Trump per contestare le elezioni che avevano decretato la sua sconfitta. Durante lo svolgimento della manifestazione, alcuni ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati