· Città del Vaticano ·

A un secolo dal loro inizio le Conversazioni di Malines restano una fonte preziosa

Pietra miliare del dialogo fra cattolici e anglicani

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
04 gennaio 2022
«Con venerazione saluto la memoria del cardinale Mercier e rendo grazie al Signore per i progressi che questo generoso servitore della Chiesa ha potuto permettere per ritrovare l’unità, mediante quelle “conversazioni di Malines” che segnano una data nella storia del movimento ecumenico. Ho dunque la gioia di compiere oggi un pellegrinaggio a un luogo significativo del ravvicinamento tra i cristiani»: con queste parole, il 18 maggio 1985, nel suo primo viaggio apostolico in Belgio, Giovanni Paolo ii volle ricordare al mondo il ruolo del cardinale Mercier nella scoperta di strade nuove per superare le divisioni, facendo esplicito riferimento alle Conversazioni di Malines, che costituiscono una delle pagine più feconde dell’ecumenismo del xx secolo. Le Conversazioni, che si sono svolte dal 1921 al 1926, hanno ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati