· Città del Vaticano ·

Santa Caterina Labouré

La grazia della carità

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
04 gennaio 2022
Fine gennaio 1831, l’entrata dell’Ospizio d’Enghien è al numero 12 di via de Picpus, a Reuilly, nella zona est di Parigi. Il cielo della capitale francese è grigio, ammantato di nuvole leggere ma colme di neve. Una religiosa arriva davanti a questa struttura voluta dalla famiglia d’Orléans: è Caterina Labouré, delle Figlie della Carità, la compagnia di suore sorta in Francia nel 1617, fondata da san Vincenzo de’ Paoli. Caterina arriva di nascosto, in silenzio. Si sente solo il rumore di una carrozza. In questo luogo, così lontano dal centro della città, Caterina trascorre quarantasei anni della propria vita, fino alla morte, servendo i poveri del quartiere. Ad essi dona tutto. Per le stradine, a chi incontra, offre pane e parole di Vangelo. Una missione vissuta nel pieno anonimato. ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati