· Città del Vaticano ·

Alcuni repertori musicali legati all’evento biblico

L’Epifania cantata nei secoli

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
04 gennaio 2022
In Italia e in Spagna i canti per l’Epifania nelle lingue parlate nacquero con i primi repertori a noi pervenuti. Per l’Italia si tratta del duecentesco Laudario di Cortona, per la Spagna le Cantigas de Santa Maria, realizzate prima del 1280 dal re e poeta Alfonso xii , detto il Sapiente. La lauda italiana prende il nome dal distico — ritornello, che si alterna con le 7 quartine che compongono il testo: «Stella nova n’fra la gente/ k’aparuisti novamente». Il canto inizia con due affermazioni oggi ovvie: Gesù è il vero astro di tutta la creazione, il suo splendore è luce per l’umanità ed egli è il re di tutto il mondo. Segue poi il racconto del viaggio dei Magi verso Betlemme e il loro incontro con Erode. Il testo segue fedelmente il Vangelo; solo per il sovrano della Giudea dice che fu ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati