· Città del Vaticano ·

Il ritorno a casa dei Beatles

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
03 gennaio 2022
Paul è il boss. George è compresso e incompreso. John è svagato e felice. Ringo è una diga silenziosa, e inoltre ha sempre le camicie più sgargianti. Non avevamo avuto mai l’impressione di una tale familiarità con i Beatles. Mai il privilegio di poter godere così tanto della loro compagnia, di sentirli così vicini per tanti giorni di seguito. Un mese con loro. Gennaio 1969. Hanno tra i 25 e i 28 anni. Hanno già fatto la maggior parte di quello per cui saranno ricordati. Sono «più famosi di Gesù», per citare il temerario proclama pronunciato da Lennon qualche tempo prima. Non suonano dal vivo da anni. Non lavorano insieme più tanto spesso. Si trovano adesso tutti e quattro perché Paul vuole ripartire dalle origini. Tornare in pista con ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati