· Città del Vaticano ·

La “rotta calabrese” nuova realtà

Si intensificano gli sbarchi

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
30 dicembre 2021
Ormai prossimo al termine, il 2021 è stato caratterizzato — tra le altre emergenze — da un incremento dei flussi migratori. Nel corso dell’anno sono sbarcati in Italia oltre 62.000 migranti contro i 32.542 dell’anno precedente, e più di 1.600 persone sono morte o state dichiarate disperse nel Mediterraneo. Nel contesto di questo considerevole aumento dei flussi migratori, che mette a dura prova i centri di accoglienza italiani, è stata inoltre osservata una nuova tratta, la cosiddetta “rotta calabrese”. Al 28 novembre, sono infatti stati registrati circa 10.000 arrivi nella zona della Locride, la costa ionica della Calabria. Si tratta di un numero quattro volte superiore al 2020, che rappresenta circa il 16% del totale. La maggior parte degli sbarchi (al 21 novembre, 46 su 51) si sono verificati nel piccolo comune di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati