· Città del Vaticano ·

Non basta amare i libri

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
30 dicembre 2021
Vorrei condividere tre riflessioni. La prima riguarda la tecnica. Tante sono le conoscenze di carattere tecnico necessarie per condurre bene il proprio lavoro, com’è ovvio; per lavorare in una biblioteca non basta amare i libri e la lettura: occorre anche una preparazione professionale fatta di studio molto attento, come avete imparato in questi anni di scuola. Ma le tecniche, e le relative competenze, sono poco durature. L’unica loro certezza è che nel corso degli anni cambieranno rapidamente. Ciò che importa dunque non sono le conoscenze tecniche in quanto tali, che pur servono momento per momento, ma piuttosto la consapevolezza, e la conseguente disponibilità a tenersi sempre aggiornati. E ciò è molto importante anche nell’ambito della biblioteconomia. Le persone che incontrerete nelle ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati