· Città del Vaticano ·

Allarme del consiglio Onu per i diritti umani

L’Afghanistan tra violenze e fame

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
30 dicembre 2021
La situazione in Afghanistan resta critica tra violenze, fame e negazione dei diritti umani. È quanto emerso nella recente riunione del Consiglio dell’Onu per i diritti umani a Ginevra, nel corso della quale il vice commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Nada Al-Nashif, ha denunciato come oltre cento ex funzionari delle forze di sicurezza e persone associate al precedente governo sono stati giustiziati tra agosto e novembre. Oltre settanta di questi morti, i cui corpi sono stati esposti pubblicamente, sono da attribuire ai talebani che proseguono, ha detto Nada al-Nashif, con «esecuzioni extragiudiziali in tutto il Paese, nonostante l'amnistia generale annunciata dopo il 15 agosto». La funzionaria dell’Onu ha anche rilevato che nella sola provincia di Nangharar, almeno cinquanta persone sospettate di far ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati