· Città del Vaticano ·

Il contrario di un’assemblea di superuomini

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
30 dicembre 2021
C’è poi un’altra tentazione. Anche questa non è tentazione di anime volgari; è la più grave di tutte. […] Agli occhi del mondo la Chiesa, come il suo Signore, ha sempre l’aspetto della schiava. Esiste quaggiù in «forma di serva». E non è soltanto la saggezza del mondo, nella sua accezione più materiale, che le manca: è anche, almeno apparentemente, la saggezza dello spirito. Essa non è né un’accademia di scienziati, né un cenacolo di raffinati spirituali, né un’assemblea di superuomini. È anzi esattamente il contrario. Vi s’affollano gli storpi, i deformi, i miserabili d’ogni sorta, vi fanno ressa i mediocri, che si sentono particolarmente a casa loro e che impongono ovunque il loro tono. I suoi più splendidi progressi non fanno ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati