· Città del Vaticano ·

La denuncia dell’Unhcr sui migranti morti in mare

Tante tragedie evitabili

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
29 dicembre 2021
Roma, 29. «È straziante che, per disperazione e in assenza di canali sicuri, rifugiati e migranti si vedano costretti ad affidare le loro vite a trafficanti senza scrupoli. È necessaria un’azione più risoluta per frenare il traffico di persone e fermare coloro che sfruttano la miseria e la disperazione umana. È scoraggiante vedere il ripetersi di tragedie evitabili come queste. Non dovremmo abituarci a vedere i corpi recuperati dal mare». Lo ha dichiarato Maria-Clara Martin, rappresentante dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) in Grecia, in merito alle tragedie avvenute nel Mar Egeo, dove almeno trentuno persone hanno perso la vita in tre distinti naufragi avvenuti tra il 21 e il 24 dicembre scorso, mentre un numero sconosciuto di persone risulta tuttora disperso. ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati