· Città del Vaticano ·

Ricordo di Carlo Carletti, autorevole maestro di epigrafia cristiana e medievale

Quel panino condiviso sotto il Sasso Piatto

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
29 dicembre 2021
Con molta commozione, ricordiamo Carlo Carletti, scomparso a Bari nella notte del 26 dicembre, lasciando un vuoto tra gli studiosi di Antichità Cristiane e tra tutti coloro che hanno potuto apprezzare la sua profonda umanità, il suo impegno nel sociale, l’attitudine innata per i rapporti improntati all’amicizia durevole e sincera. Era nato a Roma il 17 febbraio del 1944, dove si era laureato in lettere classiche nel 1968 presso l’università La Sapienza, con una tesi in archeologia cristiana, sotto la direzione attenta e autorevole di Pasquale Testini, sulla scia degli interessi del padre Sandro, per tanti anni attivo nella redazione de «L’Osservatore Romano». Dal 1970 al 1974 è stato assistente ordinario di archeologia cristiana presso l’università degli Studi di Bari, dove dal 1974 al 1979 ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati