· Città del Vaticano ·

Anniversari

Quel giorno di riposo per il bene di tutti

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
29 dicembre 2021
È dal 321 dell’era cristiana, e cioè da millesettecento anni, che la domenica è riconosciuta come il dies Dominicus (il giorno del Signore). A stabilirlo, con un decreto, fu l’imperatore Costantino i detto il Grande (274-337), con una decisione presa appunto nel 321 e successivamente inserita nel Codex Theodosianus del 438, la nota raccolta di costituzioni imperiali voluta dall’imperatore romano d’Oriente, Teodosio ii. Tuttavia gli storici, per quel che riguarda l’esattezza del mese e del giorno, divergono in assenza di fonti certe. La decisione del Pontifex Maximus di sostituire il dies Solis (giorno del sole) con il giorno del Signore fu preceduta da vicende divenute storicamente emblematiche, ma soprattutto segnò radicalmente il rapporto tra Chiesa e impero. In primis: «La parabola di questo rapporto ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati