· Città del Vaticano ·

Più di mille persone sequestrate nel 2021

Povertà e criminalità dilagano ad Haiti

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
29 dicembre 2021
Port-au-Prince, 29. Ad Haiti, tra il primo gennaio e il 27 dicembre 2021, sono state rapite più di mille persone. Lo rivela uno studio del Centro di analisi e ricerca sui diritti umani, che ha evidenziato un incremento rispetto al 2020 (quando i rapimenti erano stati 796). Uno dei gruppi sociali più colpito dai sequestri è quello dei religiosi. Nel 2021 almeno 40 membri di varie comunità sono finiti nelle mani di rapitori haitiani. Anche il numero di cittadini stranieri rapiti è alto: ben 81. Per liberare gli ostaggi, i rapitori chiedono enormi somme di denaro alle organizzazioni o agli Stati di appartenenza. Ancora una volta, dietro gli atti di violenza si nasconde la condizione economica, psicologica e sociale di un Paese al collasso. Haiti è il Paese il più povero dell’America ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati