· Città del Vaticano ·

L’avventura della fede

Miracolo di Natale a Virginia City

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
29 dicembre 2021
Vivere a Virginia City, nel Montana, era davvero un’impresa difficile negli anni Sessanta dell’Ottocento. Città di frontiera per eccellenza, aveva nel proprio nome l’unico tratto gentile, illudendo il viaggiatore di passaggio con la sua malcelata esuberanza. In realtà quell’ammasso informe di casupole di legno tenute insieme dalla sottile, fangosa linea stradale, era un covo di gente senza troppi scrupoli, in gran parte cercatori d’oro inselvatichiti da una vita aspra e gretta, pronti a tutto pur di soddisfare il loro sogno personale di ricchezza. Pionieri della costa orientale in cerca di nuovi territori da colonizzare, scalcagnati allevatori boemi, robusti contadini tedeschi, iracondi manovali irlandesi e fantasiosi artigiani italiani sfiniti da una continua e sfibrante corsa verso la grande occasione: era questa la ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati