· Città del Vaticano ·

Un anno, una storia

«Mi dono al Signore che incontro in ogni povero»

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
29 dicembre 2021
Nella piccola clinica delle suore di san Francesco Saverio nella città di Myitkyina, nord del Myanmar, l’attività è frenetica. Ci sono le donne che vengono a partorire, ci sono i feriti, ci sono anziani debilitati. Suor Ann Rose Nu Tawng si sposta da un letto all’altro, ora accarezzando un pargolo, ora dicendo una parola di conforto, ora fermandosi a recitare una preghiera con i malati. La religiosa è divenuta nota a livello internazionale perché nel marzo scorso, dopo il colpo di Stato che il 1° febbraio ha cambiato la storia politica dell’ex Birmania, ha spontaneamente compiuto un gesto che, ritratto in una fotografia, è divenuto virale: si è inginocchiata davanti ai militari, implorando di non uccidere i giovani manifestanti e offrendo se stessa come vittima. Il gesto ha avuto ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati