· Città del Vaticano ·

A colloquio con il direttore di Medici con l’Africa Cuamm

Accanto alla sofferenza per trovare il “Dio con noi”

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
29 dicembre 2021
«A differenza di tanti altri che se ne sono andati, noi abbiamo scelto di restare, pur nel dilagare della pandemia, in una situazione non facile da gestire. Se non fosse stato così, quel nostro definirci medici “con” l’Africa, piuttosto che “per”, sarebbe stato intimamente tradito». Don Dante Carraro, padovano, classe 1958, è medico cardiologo e da trent’anni sacerdote. Dal 1994 è al Cuamm, il Collegio universitario aspiranti e medici missionari, una delle più grandi organizzazioni non governative sanitarie italiane per la promozione e la tutela della salute delle popolazioni africane, di cui è direttore generale dal 2008. È autore del libro Quello che possiamo imparare in Africa – La salute come bene comune (scritto insieme a Paolo Di Paolo, Editori Laterza). Lo incontriamo nel suo ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati