· Città del Vaticano ·

Il Wcc rilancia il programma elaborato cinquant’anni fa

Xenofobia e discriminazioni razziali pandemie da combattere

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
28 dicembre 2021
Dal Ghana all’Indonesia, passando per Inghilterra e Canada: gruppi di esperti e professionisti del settore provenienti da tutto il mondo hanno preso parte al webinar in modalità mista organizzato dal World Council of Churches a Ginevra per ricordare e rilanciare il programma contro la discriminazione razziale e la xenofobia che lo stesso organismo aveva elaborato cinquant’anni fa, nel pieno sviluppo delle politiche dell’apartheid in Sud Africa. Un fenomeno, il razzismo, che non è però iniziato nel 1971, si è sottolineato nella conferenza, come non è finito con l’abbandono di tali politiche alla fine del ventesimo secolo, nonostante il grande impegno dell’arcivescovo anglicano Desmond Tutu e di Nelson Mandela, entrambi premi Nobel per la pace. Tra le finalità dell’incontro, l’analisi e la ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati