· Città del Vaticano ·

Sono 170 milioni nel mondo secondo un rapporto dell'Organizzazione internazionale per le migrazioni

Triplicati in dieci anni i lavoratori immigrati

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
28 dicembre 2021
Il numero dei lavoratori immigrati nel mondo è triplicato negli ultimi dieci anni e le rimesse inviate da questi lavoratori ai Paesi d’origine superano ormai di gran lunga gli aiuti allo sviluppo. È quanto rileva il nuovo rapporto del Global Migration Data Analysis Centre dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), secondo cui il ruolo dei migranti nella forza lavoro e nello sviluppo globale è sempre più “vitale”. L’agenzia delle Nazioni Unite stima che i migranti costituiscono oggi il 5% della forza lavoro globale, rispetto a meno del 2% nel 2010. In tutto il mondo, secondo le ultime stime dell’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo), ci sono quasi 170 milioni di lavoratori immigrati, rispetto ai 53 milioni di lavoratori stranieri nel 2010. Più di sei migranti su 10 vivono e ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati