· Città del Vaticano ·

In «Africani europei. Una storia mai raccontata» di Olivette Otele

Sulla frontiera tra esclusione e integrazione

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
28 dicembre 2021
Che cosa unisce san Maurizio, il quale secondo la tradizione sarebbe stato un soldato romano di origini egizie martirizzato per la sua fede cristiana sotto l’imperatore Massimiano, al musicista e schermidore Joseph Boulogne, figlio di una donna senegalese e sostenitore degli ideali della rivoluzione francese? Quale filo rosso lega lo scrittore nigeriano Olaudah Equiano, che nella seconda metà del Settecento si batté per l’abolizione della schiavitù, al politico camerunense Manga Bell, che si oppose all’occupazione tedesca del proprio Paese, pagando con la vita nell’anno dello scoppio della Grande guerra? A svelarlo è la storica Olivette Otele, che nel volume Africani europei. Una storia mai raccontata (Torino, Einaudi, 2021, pagine 216, euro 27, traduzione di Francesca Pe’) offre un amplissimo repertorio di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati