· Città del Vaticano ·

Da Bibbia e «ubuntu» i principi ispiratori di Desmond Tutu

Si è persona solo se si è con gli altri

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
28 dicembre 2021
«Se si vuole sottomettere e opprimere qualcuno, l’ultima cosa da mettergli in mano è la Bibbia. È più rivoluzionaria, più sovversiva di qualunque manifesto o ideologia politica. Perché? Perché la Bibbia afferma che ciascuno di noi, senza eccezioni, è creato a immagine di Dio. Che sia ricco o povero, bianco o nero, istruito o analfabeta, maschio o femmina, ciascuno di noi è creato a immagine di Dio e questo è meraviglioso, entusiasmante». In uno dei suoi ultimi libri, In God’s Hands, tradotto in italiano da Emi nel 2015 con il titolo Il mio Dio sovversivo, l’arcivescovo anglicano Desmond Tutu — morto ieri l’altro, all’età di 90 anni, a Città del Capo — osservava che basterebbe leggere la Bibbia per trovare l’antidoto all’ingiustizia, alla ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati