· Città del Vaticano ·

«Il Maialino di Natale» di J.K. Rowling

Se la perdita fa parte della vita

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
28 dicembre 2021
«A quest’ora avrebbe dovuto essere molto emozionato. Avrebbe appeso la calza con la mamma e lasciato una carota per Rudolph la renna… ma non questa vigilia di Natale. Essere emozionato sarebbe stato un tradimento verso Lino, che era più importante di tutto il Natale messo insieme». Da quando è nato, Jack è sempre stato inseparabile dal suo amato maialino di pezza, Mimalino, detto Lino. Vicini nei giorni belli e nei giorni brutti (come quelli della separazione dei genitori), hanno imparato a soffrire e gioire insieme, ad affrontare novità e imprevisti, finché una vigilia di Natale irrompe la tragedia: durante un litigio, la sorellastra di Jack lo getta dal finestrino dell’auto in corsa e così, nonostante mille ricerche, di Lino si perdono definitivamente le tracce. Quando i nonni gli ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati