· Città del Vaticano ·

L’«Ulisse» di James Joyce tradotto, introdotto e curato da Enrico Terrinoni

Nuove simmetrie e nuovi abissi

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
28 dicembre 2021
Per gli amanti della letteratura è una lettura imprescindibile, ancorché impegnativa, esigente. C’è chi aspetta di andare in pensione per leggersi tutti e sette i volumi di Alla ricerca del tempo perduto di Proust, o chi aspetta le vacanze per (ri)leggere Moby Dick (altra opera-mondo come questa), per affrontare per la prima volta i classici russi, o i capolavori delle sorelle Brontë. Insomma, l’appuntamento con l’Ulisse di James Joyce aspetta al varco il lettore più sofisticato e, chi si sentisse pronto al mitico incontro dovrebbe senza esitazione sfruttare l’occasione di questa nuova edizione (Milano, Bompiani, 2021, pagine 2.080, euro 45). Con testo a fronte in inglese per gustare la lingua joyciana, tradotto, introdotto e curato da Enrico Terrinoni, attualmente tra i maggiori esperti al mondo ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati