· Città del Vaticano ·

Lo scatto e la penna

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
28 dicembre 2021
La ricerca del vero in Giovanni Verga si è espressa anche attraverso centinaia di scatti di pescatori e contadini; stesso metodo fu adottato da Emile Zola nella meticolosa perlustrazione di Parigi; Jack London si rese protagonista di avventurosi reportage con la sua Kodak, assurta a strumento funzionale alla stesura dei suoi romanzi. Questo scenario serve a testimoniare, in modo significativo e probante, che la relazione tra letteratura e fotografia è sempre rappresentato una realtà concreta nonché una questione lungamente dibattuta, come ricorda Gloria Manghetti, direttore del Gabinetto Viesseux, nella premessa al coinvolgente libro di Luigi Marfè Un altro mondo da raccontare. Poetiche e percorsi di fotoletteratura (Firenze, Leo S. Olschki, 2021, pagine 193, euro 22). «Oggi che la nostra vita — ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati