· Città del Vaticano ·

La redenzione della gente comune

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
28 dicembre 2021
Il 1941 è l’anno di Gary Cooper: l'attore americano è infatti protagonista di due grandi classici, Il Sergente York di Howard Hawks e Arriva John Doe di Frank Capra, film differenti tra loro nella struttura e nella forma, ma che affrontano tematiche simili, legate in particolare al sentimento politico, religioso e sociale statunitense. I lungometraggi sono esemplificativi del turbamento e della disconnessione della società americana all’avvento della seconda guerra mondiale, dopo le atroci devastazioni prima della Grande Guerra e poi della Grande Depressione. Entrambi riescono perfettamente a fotografare le istanze e i pensieri del cittadino medio americano, a fronte di un profondo scetticismo diffuso nel popolo nei confronti delle istituzioni e delle forze aristocratiche, denotando una profonda fiducia nella ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati