· Città del Vaticano ·

Il Natale delle comunità cattoliche nell’Asia centrale

Germogli nella steppa

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
28 dicembre 2021
Un germoglio nasce nella steppa. È un virgulto delicato e fragile, ma destinato a portare frutto. Usa un’immagine tratta dal mondo della natura il gesuita Anthony James Corcoran, amministratore apostolico del Kyrgyzstan, per descrivere come le piccola comunità cattoliche sparse nelle nazioni dell’Asia centrale, a larga maggioranza islamica, hanno celebrato il Natale. «Come piccola Chiesa, siamo come una pianticella in una grande distesa, siamo una realtà così piccola da essere quasi sconosciuta, ma ciò non vuol dire che la venuta di Cristo non porti frutto». In Kyrgyzstan — nazione di sei milioni di abitanti al 90% musulmani — vi sono attualmente tre parrocchie nelle città di Bishkek, Jalal-Abad e Talas, e altre piccole comunità distribuite nelle zone rurali, per un totale di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati