· Città del Vaticano ·

Ventotto corpi ritrovati sulle spiagge della Libia, mentre proseguono gli sbarchi

In mare si continua a morire

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
27 dicembre 2021
Tripoli , 27. Condizioni meteorologiche sfavorevoli e mare mosso non hanno fermato i viaggi della speranza, anche a Natale, di centinaia di migranti. Decine le persone che non ce l’hanno fatta a sopravvivere alle lunghe ed estenuati traversate: ventotto sono stati i corpi ritrovati sulla spiaggia di Al-Alous, 90 chilometri a ovest di Tripoli, 30 cadaveri sono stati recuperati in acqua in prossimità di isole greche, altre tre persone sono annegate lontano dall’isola di Folegandros. Intanto prosegue incessante l’attività di soccorso. Ieri 490 migranti sono arrivati nel porto di Crotone in due tornate. La prima è avvenuta all’alba con 90 persone giunte a bordo di un veliero, la seconda che ha interessato altre 400 persone, in tarda mattinata. I sopravvissuti erano stati individuati da un mercantile russo che li aveva ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati