· Città del Vaticano ·

Le celebrazioni natalizie in Terra Santa

Chiamati a udire la voce di Dio

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
27 dicembre 2021
Poco lontano dai palazzi semidistrutti, a pochi metri dal mare velenoso, in quella striscia di terra dove si registra uno dei più alti tassi di densità della popolazione del pianeta, è nato Gesù. Il Natale in Terra Santa è iniziato proprio dalla chiesa latina della Sacra Famiglia a Gaza, dove il patriarca di Gerusalemme dei Latini, Pierbattista Pizzaballa, ha celebrato la prima messa di Natale con la piccola comunità cattolica lì riunita, come di recente consuetudine. A causa del conflitto e del blocco delle frontiere, infatti, ai fedeli è impedito di uscire dalla Striscia e di recarsi a Betlemme, motivo per cui ogni anno il patriarca non manca di visitarli in questo tempo. I canti natalizi in arabo hanno accolto così la venuta di Gesù in quella parrocchia sofferente, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati