· Città del Vaticano ·

Tre morti e 50 dispersi nell’ennesimo naufragio di migranti

Tragedia nell’Egeo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
23 dicembre 2021
Atene , 23. «È difficile che ci siano dei superstiti». Sono trancianti, nello loro drammaticità, le parole della Guardia costiera greca riguardo all’ennesimo naufragio, ieri sera nel mare Egeo, di un barcone stracolmo di migranti. Finora le vittime accertate sono 3, ma si teme per altre cinquanta persone che ancora mancano all’appello. L’imbarcazione — riferisce la televisione pubblica greca Ert — si è inabissata a largo dell’isola di Folegandros, nelle Cicladi. Il fatiscente barcone, partito dalla Turchia e probabilmente diretto verso l’Italia, è affondato in pochi minuti dopo un guasto al motore. I soccorsi sono stati immediatamente attivati e hanno consentito di trarre in salvo 12 migranti. Ma delle altre cinquanta persone non si sa ancora nulla. Si teme che siano rimasti intrappolati nello ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati