· Città del Vaticano ·

A oltre un anno dall’inizio del conflitto nel Tigray

Verso una via d’uscita per l’Etiopia

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
22 dicembre 2021
È sempre più complessa l’evoluzione dello scenario politico e militare che si va delineando in Etiopia a oltre un anno dall’inizio del conflitto nella regione tigrina tra le forze armate federali e il Fronte popolare di liberazione del Tigray (Tplf). In questi tredici mesi i ribelli tigrini, muovendo dalle zone impervie del Nord, hanno guadagnato terreno nelle regioni degli Afar e degli Amhara, avvicinandosi sempre più ad Addis Abeba e ribaltando così i rapporti di forza fra le parti a vantaggio del Tplf. Nei primi mesi dell’occupazione del Tigray, il braccio armato del Tplf – Tigray defence force (Tdf) – sembrava infatti aver poche speranze contro l’esercito della Repubblica federale d’Etiopia, complice il parallelo intervento da nord delle truppe dell’Eritrea del presidente Isaias Afewerki, alleato del primo ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati