· Città del Vaticano ·

La nuova Biblioteca di archeologia e storia dell’arte di Roma nel Fabbricato San Felice

Tra antichità del nuovo e modernità dell’antico

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
22 dicembre 2021
«È un piacere per un architetto dare l’avvio; l’avvio contiene già il tutto»: così Mario Botta ha aperto il suo intervento ieri al Palazzo del Quirinale dove, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, si è tenuta la cerimonia di avvio dei lavori della nuova Biblioteca di archeologia e storia dell’arte di Roma nel Fabbricato San Felice, parte del complesso del Quirinale. La struttura, articolata in cinque livelli, accoglierà un patrimonio sterminato (400 mila volumi, inclusi incunaboli, cinquecentine e seicentine, 3.500 testate di periodici, 20.700 tra incisioni, disegni e fotografie, 66 mila microfiches, 1.600 opere manoscritte e fondi archivistici per più di 100 mila carte), provenienti dalla Biblioteca di archeologia e storia dell’arte di Piazza Venezia. ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati