· Città del Vaticano ·

L’Unhcr chiede maggiore impegno per risolvere la situazione di chi è ancora privo di cittadinanza

Milioni di apolidi nel mondo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
22 dicembre 2021
Ginevra , 22. Nel settimo anniversario del lancio della campagna #Belong per porre fine all’apolidia, l’Unhcr — l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati — ha ricordato che bisogna agire con maggiore efficacia per risolvere la difficile situazione di milioni di persone che sono ancora prive di cittadinanza in tutto il mondo. «Negli ultimi anni sono stati compiuti notevoli progressi, ma i governi devono fare di più per colmare le lacune presenti nelle normative e nelle politiche esistenti, le quali continuano a lasciare milioni di persone in condizione di apolidia o a permettere che nascano bambini apolidi», ha dichiarato l’Alto commissario dell’Unhcr, Filippo Grandi. L’apolidia, ovvero la condizione per cui una persona non è riconosciuta da alcuno Stato come proprio cittadino, interessa milioni ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati