· Città del Vaticano ·

A colloquio con una giovane attivista maya

Costruttrice di futuro

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
22 dicembre 2021
Questa è la storia di Lupita, o per meglio dire di Guadalupe, una giovane donna maya in prima linea nel movimento indigeno messicano a favore dei diritti della sua gente e delle donne. La chiamano “costruttrice di futuro” oggi, vent'anni dopo che Lupita ha perso la sua famiglia, nel massacro di Acteal, nel sud del Messico. È diventata portavoce del suo popolo e di una nuova generazione di attivisti maya. A lei è stato dedicato un documentario dalla regista Monica Wise, che parla soprattutto della resistenza indigena. Lupita, con ammirevole forza, condivide i personalissimi ricordi di quel massacro del 1997, dinanzi ai suoi occhi di bambina, quando tutta la sua famiglia, insieme ad altre 45 persone fu uccisa, mentre pregavano nella chiesa dove suo padre era catechista. «Sono sopravvissuta per un miracolo e fin ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati