· Città del Vaticano ·

L’importante lascito di Federico Zeri al Museo Gregoriano egizio

Collezionista di ricordi

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
22 dicembre 2021
Con due conferenze, la prima del direttore Barbara Jatta il 21 ottobre a Bologna e la seconda del curatore e dell’assistente del Reparto antichità egizie e del Vicino oriente, rispettivamente chi scrive e Mario Cappozzo, in occasione del «Giovedì dei Musei» del 4 novembre, i Musei Vaticani si sono uniti alle celebrazioni del «2021 Anno Zeri», organizzate dalla Fondazione Zeri di Bologna nel centenario della nascita del grande conoscitore e storico dell’arte. Proprio qualche mese prima della sua scomparsa, Federico Zeri aveva dichiarato l’intenzione di un importante lascito ai Musei Vaticani all’allora direttore Francesco Buranelli. Fu così che, nel 1999, entrarono nella collezione del Museo gregoriano egizio un Ritratto del Fayum di giovane uomo e dieci ritratti funerari da Palmira, che si ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati