· Città del Vaticano ·

Denuncia dell’Onu

Tutti gli afghani a rischio povertà

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
21 dicembre 2021
Islamabad , 21. Entro la metà dall’anno prossimo, la povertà universale dell’Afghanistan, con una quota del 98 per cento della popolazione, potrebbe essere la prossima «triste pietra miliare» del Paese. Lo ha dichiarato il sottosegretario generale delle Nazioni Unite, Martin Griffith, nel suo intervento a conclusione del consiglio dei ministri degli Esteri dell’Organizzazione della cooperazione islamica (Oic) sull'Afghanistan, che ha avuto luogo a Islamabad, capitale del Pakistan. La riunione dell’Oic è stata la più grande conferenza sull'Afghanistan da quando il governo di Kabul, sostenuto dagli Stati Uniti, è caduto nell’agosto scorso. Dopo il ritorno al potere dei talebani e la conclusione della missione militare statunitense, miliardi di dollari in aiuti e beni sono stati congelati ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati