· Città del Vaticano ·

Vegliare e «rallentare»

Rappresentazioni del Natale

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
21 dicembre 2021
I cristiani non hanno una data comune in cui celebrare il Natale. Hanno però una storia comune che precede e rende transitorie le loro diversità e divisioni: è quella raccolta nel canone biblico. Il rito romano, che esprime l’unità della Chiesa latina, è solo uno dei modi in cui il mistero dell’Incarnazione sarà celebrato. Quasi a interrompere la monotonia occidentale, alcuni milioni di cattolici lombardi e della Svizzera italiana pregheranno secondo il rito ambrosiano, antico di secoli, ma recentemente aggiornato con un’attenzione interessante alla vita contemporanea. Ci lasceremo ispirare da alcune scelte originali. Una delle inquietudini più sincere tra i battezzati è quella di non essere trovati pronti. Il «mestiere di vivere» — come lo chiamava Cesare Pavese — ha ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati