· Città del Vaticano ·

La Chiesa in Myanmar si prepara al Natale fra instabilità sociale e speranza

Preghiera e solidarietà per allontanare l’angoscia

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
21 dicembre 2021
Un Natale di silenzio e di preghiera. Un Natale di solidarietà per dare speranza ai poveri e ai più vulnerabili. Un Natale di caloroso abbraccio del prossimo che è solo, abbandonato, indifeso, disperato. È quello che si prepara a vivere la comunità cattolica birmana. Il tempo di Avvento è, nel Paese del sud-est asiatico, un tempo di attesa speciale: la speranza rappresenta un barlume di pacificazione che possa interrompere la spirale di vendetta, violenza, conflittualità che si vive a ogni angolo di strada, in villaggi, città, territori e regioni della composita nazione del Myanmar. La guerra civile in cui, dopo il golpe militare del 1° febbraio, lo Stato è inesorabilmente scivolato, ha riportato indietro le lancette della storia. Solo un anno fa, la nazione sembrava ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati