· Città del Vaticano ·

Una speciale libertà

Natività in mille guise

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
21 dicembre 2021
In alcuni casi una conchiglia diventa la culla di Gesù bambino, in altri la rete utilizzata dai pescatori assurge a tetto della grotta di Maria e Giuseppe e in ulteriori esempi ancora la sabbia raccolta a Lampedusa si trasforma nella terra di Betlemme. Sono tutti modi, quelli appena elencati, attraverso cui il Natale, o meglio la Natività viene rappresentata. Rappresentazione che, dunque, passa dalla fantasia, dalle idee, dalla creatività e sì, dal cuore delle persone detenute nel carcere di Opera. All’interno dell’istituto penitenziario milanese, quest’anno è stato, infatti, avviato un vero e proprio laboratorio di falegnameria, strumentale, per l’appunto, alla costruzione — per mezzo, come si vedrà, dei legni dei barconi dei migranti affondati nel Mediterraneo — di molteplici presepi. Quelli ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati