· Città del Vaticano ·

L’arte

Mantegna e i pastori

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
21 dicembre 2021
Fu commissionata da Borso Este in occasione del secondo soggiorno dell’artista a Ferrara (1450-1451) l’Adorazione dei pastori in cui Andrea Mantegna esprime con movenze eleganti, al limite del virtuosismo, il significato dell’evento della Natività. La scena è ambientata all’aperto. Al centro spicca la figura della Madonna che adora il Bambino inginocchiata su un gradino di pietra. Alla sua destra è collocato san Giuseppe, dormiente: a sinistra della tela, due pastori sono ritratti piegati, a indicare un atteggiamento devoto di preghiera. Il sonno di san Giuseppe ricorda la sua funzione di custode della Vergine e del Bambino: un sonno che è segno di assorta riflessione sul valore di un avvenimento destinato a cambiare il corso della storia. Un tratto originale del quadro è dato dal fatto che il Bambino ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati