· Città del Vaticano ·

L’annuncio delle guardie delle strutture petrolifere

Chiusi quattro giacimenti in Libia

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
21 dicembre 2021
Tripoli, 21. Alcuni uomini armati affiliati alle guardie delle strutture petrolifere in Libia hanno annunciato la chiusura di 4 impianti petroliferi. Lo stop delle attività estrattive nei terminal di al-Charara, al-Feel, al-Wafa e al-Hamada — ha affermato in un comunicato stampa la compagnia petrolifera nazionale (Noc) — comporterà perdite di «oltre 300.000 barili al giorno», ovvero un terzo della produzione nazionale giornaliera. «Mantenere i nostri impegni nei confronti delle raffinerie — prosegue la nota — è ormai impossibile e siamo obbligati a dichiarare lo stato di forza maggiore», che consente l’esonero dalla responsabilità della società in caso di mancato rispetto dei contratti di consegna, ha detto il responsabile dell’azienda statale, Mustafa Sanalla. Con il ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati