· Città del Vaticano ·

In «Una piccola cosa» di Chiara Barberis

L’amore ai tempi della pandemia

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
20 dicembre 2021
Violento e tenero. Le parole della vecchia canzone di Antonello Venditti ben descrivono il libro di Chiara Barberis Una piccola cosa (Roma, Europa Edizioni, 2021, pagine 228, euro 13,90) che, uscito in estate, ha riscosso, almeno nella Capitale, un buon successo. La giovane autrice non era nemmeno nata quando Venditti sfornò Sotto il segno dei pesci, eppure Bianca, la protagonista dell’opera (il cui none, semanticamente vicino a quello della scrittrice, fa capire l’influenza autobiografica nel romanzo), potrebbe tranquillamente essere una degli insoddisfatti protagonisti del brano del cantautore capitolino. Solo che, all’epoca della pubblicazione del disco, non esistevano i social media e le persone erano ancora molto lontane dal dovere affrontare l’isolamento individuale causato dalla pandemia. Perché le chat e il ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati