· Città del Vaticano ·

L’Inferno a spasso tra i secoli alle Scuderie del Quirinale

Tra tangibilità e incorporeità

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
18 dicembre 2021
L’inferno come luogo fisico e spazio mentale: è lungo queste coordinate che si sviluppa la mostra «Inferno» di Jean Clair in corso alle Scuderie del Quirinale. Questo particolare viaggio multidisciplinare ragiona ad ampio spettro sul concetto di inferno, su come si sia evoluto nel tempo nel mondo della cultura, dell’arte e della letteratura. A seconda dell’interpretazione, inoltre, tale luogo può essere geograficamente e matematicamente tangibile, con le sue regole e la sua costruzione millimetrica, ma anche incorporeo e sfuggente, riproducendo uno stato dell’animo. Seguendo questo fil rouge, l’opera dantesca, per quanto importante chiave di lettura dell’installazione, è solo il punto centrale del percorso. Il ghibellin fuggiasco è uno dei tanti interpreti di un topos che ha una storia secolare ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati