· Città del Vaticano ·

I «versi itineranti» di Stefania Falasca

Parole colme di buio

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
18 dicembre 2021
Pubblichiamo la prefazione al libro «Ex itinere» di Stefania Falasca (Città del Vaticano, Libreria Editrice Vaticana, 2021, pagine 87, euro 14), l’introduzione e il testo di «Ad Rupes», una delle poesie della raccolta. Questi versi itineranti di Stefania Falasca attraversano il mondo. Ciò che colpisce il lettore, almeno me, è la scrittura che sembra incisa sulla carta: luoghi, toni biblici e storici, Dio. E le parole, la potente voce delle parole che pur nella loro semplicità hanno peso specifico e suonano definitive, come l’urlo di Munch sulla tela: notte, luce, bianco, sole, mare, miseria, radici. Aderiscono sulla carta, quasi attecchiscono, come se aves­ sero una loro vita e narrano in molte lingue un’umanità vicina e lontana, e incontri e fedi profondamente radicati nei ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati